Progetto “In vitro” per piccoli grandi lettori

in-vitro

Il Centro per il libro e la lettura (CEPELL) del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) promuove il progetto sperimentale “In vitro” (basato sulla positiva esperienza di “Nati per leggere”)  con lo scopo di crescere “piccoli grandi lettori” e diffondere la lettura come una pratica sociale radicata.

In collaborazione con Arte Cultura Spettacolo (ARCUS) e l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato (IPZS), il Cepell ha allestito percorso bibliografico per uno scaffale dei bambini 0-3 anni.

In biblioteca è possibile prendere visione dei materiali informativi e di alcuni titoli che abbiamo ricevuto in dono.

I verdi anni della mia vita

Luigi Tranelli

Luigi Tranelli ringrazia il pubblico

La presentazione del libro del carabiniere in pensione Luigi Tranelli e la lettura dei suoi passi più significativi hanno riscosso l’apprezzamento del pubblico, accorso a conoscere le condizioni di vita degli abitanti di Villa Santo Stefano (prov. Frosinone), attraverso i ricordi, le emozioni, le imprese del bambino (e poi adolescente) Luigi, durante un quindicennio (1931-1946), particolarmente difficile, specie nelle campagne ciociare.

Sergio Dantini legge

Sergio Dantini legge alcuni passi

Pubblico (in primo piano, Dante, prezioso collaboratore!)

Pubblico (in primo piano, Dante, prezioso collaboratore!)

 

Biblio-novità

2013-11-Nuovi titoli (Small)

L’autunno vi fa sentire un po’ giù di corda? Niente paura! Ecco un bel “ricostituente”, da prendere a dosi molto variabili – da qualche rigo a tante pagine da divorare -, a seconda dell’umore e del tempo disponibile. Ringraziamo le amiche del PIC e di La Tartallegra per i nuovi titoli che vi invitiamo a visionare!

Leggere (in biblioteca), un rinnovato piacere

2013-02-05_Biblioteca-Statuario-1 (Small)«La biblioteca è un organismo che cresce» (S. Ranganathan), così recita la quinta legge della biblioteconomia. Una conferma – seppure nel piccolo – è offerta dalla nostra/vostra “Bibliostatuario” nella quale i cambiamenti sono quasi all’ordine del giorno.

Come potete vedere dalla foto, abbiamo privilegiato la scelta di recuperare un po’ di spazio per una lettura più confortevole in sede: una sorta di elogio alla lentezza, allo “slow reading”, tanto più necessario in un’epoca così frenetica.

In definitiva, il tempo dedicato alla lettura e alle “conversazioni” – con gli autori di epoche passate e del presente, con se stessi, con altri lettori – è un tempo di benefica cura di sé, una “biblioterapia”,  che aiuta a stare meglio con se stessi e con gli altri.

(PS: oltre che ad Alba, Daniela, Paola e Diego, un particolare grazie a Rita e Sabino C. e al PIC)

Video: The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore

Vi proponiamo la visione di questo delizioso video, un po’ ispirato al Mago di Oz, un po’ al comico Buster Keaton, agli uragani (Katrina e altri), The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore, un’allegoria del potere salvifico delle storie e della lettura. Il cortometraggio è stato realizzato da William Joyce e Brandon Oldenburg (Moonbot Studios). Buona visione!

21 maggio 2010: quel giorno che a scuola si lesse un libro

 Ecco un invito agli insegnanti, da parte di Carla Ida Salviati, Direttore de «La vita scolastica», a dare l’emozione della lettura ai loro ragazzi il 21 prossimo venturo:

“Io spero che il 23 maggio diventi, negli anni, una giornata importante: la festa del libro è da segnare sul calendario. Alle feste si fanno i regali e ne ho in mente uno da consigliare agli insegnanti: è un regalo un po’ trasgressivo, forse persino un po’ provocatorio. Ecco: poiché il 23 è domenica, il 21 potrebbe essere il “giorno del libro a scuola” e voi regalate una giornata di lettura ai vostri ragazzi.
E dove sarebbe la stranezza, l’eccezionalità, la trasgressione?, obietterà qualcuno: O che non si legge ogni giorno, continuamente, in ogni scuola del mondo, ciascuno alla propria ora, ciascuno con i propri suoni, ciascuno con le proprie storie? Regalate una giornata di vostre letture, intendo: regalate la vostra voce ad un libro, scelto come vi pare e garba… Continua a leggere la lettera QUI