Io leggo perché …ho una biblioteca intorno a me!

leggiamo perchéStamattina la biblioteca ha ricevuto la graditissima visita degli allievi della 3^ B della Scuola Primaria di via del Calice che, accompagnati dalla maestra Caterina e da mamma Cristina, hanno voluto conoscere “Biblioteca Statuario” più da vicino, sapere come è organizzata, come funziona e, soprattutto, leggere, sentir leggere e curiosare tra gli scaffali letteralmente presi d’assalto!

Don Jess ha parlato dell’importanza della lettura e dell’uso della biblioteca; ha parlato anche del suo Paese – le Filippine -, così lontano da noi!, e insegnato una simpatica canzoncina in inglese – 1,2,3 …hi! -. Filippine

Una breve pausa in giardino per una veloce merenda e poi …via a leggere! Luisa, dopo aver illustrato il funzionamento della biblioteca, ha letto “Per sempre amici” e “Ada e i rifiuti“, perché è importante voler bene e rispettare gli amici, voler bene e rispettare l’ambiente, dare sempre una mano tanto per aiutare un amico, quanto per aiutare a migliorare l’ambiente che ci circonda. SAM_8093Dopo aver curiosato tra gli scaffali, cosa c’è di meglio che accomodarsi ad assaporare un altro po’ di storie? Volete sapere perché leggono? io leggo perché

  • “perché ho voglia di esplorare il mondo leggendo e perché imparo cose e imparo un po’ di più d’italiano” (Flavia)
  • “per imparare parole nuove, per leggere storie nuove, per divertirmi” (Samuel)
  • “perché così leggo più veloce e imparo cose nuove” (Alessandro)
  • “perché ho passione per la lettura e anche per studiare”
  • “perché impari” (Matteo)
  • “perché conosco più cose e perché è molto interessante” (Alice)
  • “perché la lettura insegna tante cose ed è molto interessante” (Selvaggia)
  • “perché ti impara tante cose” (Elisa)
  • “perché si scoprono cose nuove” (Fausto)
  • “perché scopro tante cose nuove e sono emozionanti” (Jonathan)
  • “perché mi piace scoprire mondi fantastici” (Rachele)
  • “Perché mi piace e ho voglia di imparare nuove parole”
  • “per imparare tante cose” (Valentina)
  • “perché è bello, scopri tante cose e perché è pure un passatempo bellissimo” (Caterina)
  • “perché la lettura mi apre un mondo nuovo” (Asia)
  • “perché ho tanta passione e perché è molto bello scoprire tante cose” (Marilù)

SAM_8103-ok …E tu perché leggi? (Scrivilo in un commento a questo post o passa in biblioteca a dircelo!)

Annunci

Progetto “In vitro” per piccoli grandi lettori

in-vitro

Il Centro per il libro e la lettura (CEPELL) del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) promuove il progetto sperimentale “In vitro” (basato sulla positiva esperienza di “Nati per leggere”)  con lo scopo di crescere “piccoli grandi lettori” e diffondere la lettura come una pratica sociale radicata.

In collaborazione con Arte Cultura Spettacolo (ARCUS) e l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato (IPZS), il Cepell ha allestito percorso bibliografico per uno scaffale dei bambini 0-3 anni.

In biblioteca è possibile prendere visione dei materiali informativi e di alcuni titoli che abbiamo ricevuto in dono.

Bibliolaboratori Nati per Leggere a Villaggio Appio (6.02.2013)

nati_per_leggere_2013-2Rilanciamo una notizia appena pubblicata su «RomaToday».

Nell’ambito delle manifestazione del carnevale organizzate dal Municipio X e del progetto Nati per Leggere, il 6 febbraio alle ore 16.30 si terrà un bibliolaboratorio di letture ad alta voce, letture animate e una festa in maschera al Villaggio Appio (via Campo Farnia 100) con la finalità di “rendere la lettura un patrimonio comune – si legge nella nota degli organizzatori – e divulgare l’importanza che tale attività comporta per la salute del bambino, quando ne fa esperienza nei primi anni di vita”. Mamme e cittadini autoorganizzati hanno aderito al progetto Nati per Leggere e, con la collaborazione dell’associazione ‘La stanza delle parole scalze’, hanno organizzato il Bibliolaboratorio autogestito, aprendo uno spazio pubblico nel Residence per l’emergenza abitativa del Comune di Roma in via Campo Farnia 100.

Leggere che piacere. La lettura nel nido e nella scuola dell’infanzia

2012_leggere-che-piacere (Small)Nell’ambito di “Nati per leggere a Roma”, Roma Capitale e Biblioteche di Roma promuovono dal 2005 “Leggere che piacere”, progetto di aggiornamento per il personale educativo e scolastico di Roma Capitale. Alle educatrici e alle insegnanti viene offerta una formazione di qualità nel campo dell’educazione alla lettura, con l’obiettivo di dotare le operatrici degli «strumenti necessari per stimolare i bambini ed avvicinarli alla lettura, nella piena convinzione che il seme della lettura, gettato in un terreno fertile ed opportunamente coltivato, riuscirà a germogliare nel tempo» (Francesco Antonelli, Presidente delle Biblioteche di Roma Capitale).

Il gradevole volumetto Leggere che piacere. La lettura nel nido e nella scuola dell’infanzia offre una interessante panoramica dell’esperienza sin qui condotta, unitamente alle indicazioni dei criteri per orientarsi tra le proposte editoriali e fare scelte di qualità per conquistare i piccoli alla lettura.

Invitiamo educatori, insegnanti (ma anche genitori e nonni) interessati all’educazione alla lettura e al completo e armonioso sviluppo socio-cognitivo e personale dei loro bambini, a passare in biblioteca per prendere visione del volume corredato di CD, gentilmente donatoci dal Presidente di Biblioteche di Roma (che ringraziamo!).

Giornata mondiale dell’infanzia (20.11.2012)

Elizabeth Greef e Matteo leggono insiemeAbbiamo celebrato la Giornata mondiale dell’infanzia in anticipo (il 19, anziché il 20), approfittando della visita della bibliotecaria australiana Elizabeth Greef di passaggio a Roma. Abbiamo impegnato Elizabeth (qui con il nostro giovane e fedelissimo utente Matteo) nella lettura di alcuni libri in inglese, provenienti dall’Australia come lei, che ci erano stati donati da un’altra bibliotecaria australiana Susan La Marca.

Giornata della lettura ad alta voce (9 marzo)

WorldLitRAD20110-Badge

Il 9 marzo si celebra la giornata della lettura ad alta voce o “Read Aloud Day“, promossa dall’Associazione LitWorld che si batte per l’alfabetizzazione. Per richiamare l’attenzione sul gran numero di analfabeti – 774 milioni – ancora presenti, è stata organizzata una maratona di lettura di 774 milioni di minuti. Molte altre le iniziative in programma, in attesa di realizzarne una anche noi. Ulteriori informazioni sono disponibili qui.