Carnevale 2014 allo Statuario

Epifania, tutte le feste porta via? Be’, non proprio… Anche se di diverso genere rispetto a quelle natalizie, la festa del Carnevale è alle porte. Cosa riserva a grandi e piccoli il programma 2014?

Sabato 22 febbraio, in Sala Polivalente, doppia festa, animata dal gruppo scout Roma 100:

  • ore 16.30-19.30: festa per bambini e ragazzi (ingresso libero e gratuito)
  • ore 20.30-23.30: festa per giovani (contributo di € 5,00)

Giovedì 27 febbraio (“giovedì grasso”), ore 17: festa in Sala Polivalente animata dal Gruppo Giovani della Parrocchia

Martedì 4 marzo, ore 17: sfilata di maschere per le vie del quartiere e, al termine, festa in Sala Polivalente, animata dai Catechisti.

Bibliolaboratori Nati per Leggere a Villaggio Appio (6.02.2013)

nati_per_leggere_2013-2Rilanciamo una notizia appena pubblicata su «RomaToday».

Nell’ambito delle manifestazione del carnevale organizzate dal Municipio X e del progetto Nati per Leggere, il 6 febbraio alle ore 16.30 si terrà un bibliolaboratorio di letture ad alta voce, letture animate e una festa in maschera al Villaggio Appio (via Campo Farnia 100) con la finalità di “rendere la lettura un patrimonio comune – si legge nella nota degli organizzatori – e divulgare l’importanza che tale attività comporta per la salute del bambino, quando ne fa esperienza nei primi anni di vita”. Mamme e cittadini autoorganizzati hanno aderito al progetto Nati per Leggere e, con la collaborazione dell’associazione ‘La stanza delle parole scalze’, hanno organizzato il Bibliolaboratorio autogestito, aprendo uno spazio pubblico nel Residence per l’emergenza abitativa del Comune di Roma in via Campo Farnia 100.

Carnevale in allegria

Un pomeriggio di grande vivacità e divertimento per la festa di Carnevale in sala Polivalente!

Forse non tutti sono consapevoli che quella che ormai sembra una tradizione (anche piuttosto appannata e banalizzata) ha origini antiche. Il Carnevale (dal latino carnem levare, togliere la carne) precede la Quaresima.

Scrive Bachtin: “I divertimenti di tipo carnevalesco e le azioni o riti comici ad essi collegati, avevano un ruolo enorme nella vita dell’uomo del Medioevo. Oltre al carnevale propriamente detto, con tutte le sue azioni e processioni complicate che occupavano per giorni interi le piazze e le strade, si celebrava la «festa dei folli» (festa stultorum) e la «festa dell’asino»; ed esisteva anche uno speciale «riso pasquale» (risus paschalis) libero, consacrato dalla tradizione.”     (Michail Bachtin, L’opera di Rabelais e la cultura popolare. Riso, carnevale e festa nella tradizione medievale e rinascimentale, 3.ed., Torino, Einaudi, 1982, p. 7)

Per chi è a caccia di informazioni, suggerimenti, ricette carnevalesche segnaliamo http://www.filastrocche.it/carnevale/carnevale.asp . Buona navigazione!

[L’immagine qui pubblicata è tratta da http://www.lamiaumbria.it/carnevale_in_umbria.asp]