Lo Statuario: poesia di d. Pietro Sigurani (1963)

statuario-2007_foto-iv-a.jpg

Quanno su ‘ste contrade splenne er sole

E tira un venticello fino fino

Te ‘nveste quell’odor de biancospino

Che te ‘nnamora e te ‘ncanta er core.

 

Li Quintili solenni, con cert’occhi

Te stanno lì a guarda’ la notte e il giorno

Dovunque t’arigiri torno torno

Te seguono li buchi de quell’archi.

 

Piena de pini, de lapidi e de rostri

Te gira l’Appia Antica, qui a du’ passi

Quanno scenne la notte su quei sassi,

senti le preci de li Santi nostri.

 

Lontano t’arimiri li Castelli.

L’acquedotto de Claudio romano

che t’encorona ‘ntorno mano mano

te sembra ‘n’acquaforte der Pinelli.

 

C’è l’Appia nova bella e illuminata

ch’è come ‘n firmamento sceso a tera

e quer tranvetto azzuro, d’anteguera

passa, e fischianno te fa la serenata.

 

La sera quanno tutto ‘ntorno tace

E dormono li pupi co’ la nonna,

sulla chiesa s’accenne ‘na Madonna

che te stenne le braccia e te dà pace.

 

 

Don Pietro Sigurani (Roma, 1963)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...